Buste paga all’insegna dei benefit: il governo punta sugli incentivi ‘in natura’ per i lavoratori

Da non perdere

WhatsApp
Facebook

Titolo: Fringe Benefit: Il Governo Studia l’Estensione dei Bonus “in Natura” per i Dipendenti con un Focus sui Figli

Il governo sta valutando la possibilità di estendere la soglia esentasse per i fringe benefit aziendali a 1.000 euro per tutti i dipendenti, ma con un limite superiore per coloro che hanno figli a carico.

Benefit aziendali: una forma di retribuzione in natura

I fringe benefit sono quei beni o servizi che un’azienda offre ai propri dipendenti, rappresentando una forma di retribuzione aggiuntiva alla busta paga. In un contesto di inflazione elevata, questi benefit possono essere di grande aiuto per i lavoratori. Esempi di fringe benefit includono l’auto aziendale, l’assistenza sanitaria, le polizze assicurative o la possibilità di usufruire di alloggi aziendali.

I fringe benefit contribuiscono al reddito da lavoro dipendente e sono soggetti a tassazione solo se superano determinate soglie. Tuttavia, spetta all’azienda decidere se concederli o meno ai propri dipendenti, e non tutti ne beneficiano.

Novità in arrivo per i fringe benefit

L’obiettivo del governo è incentivare i datori di lavoro ad offrire questi benefit, aumentando la soglia di esenzione fiscale. Attualmente, il limite esentasse è di 258 euro. Nel 2022, il governo Draghi ha temporaneamente innalzato tale soglia a 600 euro, ampliando anche la lista delle voci ammesse come fringe benefit, compresi i pagamenti delle bollette domestiche. Successivamente, con il decreto Aiuti quater, la soglia è stata portata a 3.000 euro fino al 31 dicembre 2022, per poi ridursi nuovamente nel 2023. Di recente, il governo Meloni ha stabilito che il limite esentasse di 3.000 euro si applica solo ai dipendenti con figli.

Tuttavia, l’esecutivo sta attualmente valutando la possibilità di rivedere questa normativa. Secondo un’ipotesi riportata dall’Ansa, si potrebbe aumentare la soglia a 1.000 euro per tutti i dipendenti, inclusi quelli senza figli, ma prevedendo un bonus di 660 euro per un massimo di 3 figli. Ciò significherebbe che il limite esentasse salirebbe a 1.660 euro per un dipendente con un figlio a carico, mentre per chi ne ha 3 si arriverebbe a 2.980 euro. Tuttavia, questa è ancora un’ipotesi e la misura richiederebbe una copertura di circa 250 milioni di euro, mentre l’aumento della soglia solo per i dipendenti con figli costerebbe circa 100 milioni di euro in meno.

Nonostante le sfide finanziarie, la maggioranza dovrà trovare le risorse necessarie per implementare queste misure.

Potrebbe Interessarti

Articoli che ti piaceranno

Se ti è piaciuto quest’articolo, amerai questi che ti proponiamo qui 

Cosa aspetti? Condividilo con i tuoi amici

+1500 persone hanno condiviso questo articolo.

WhatsApp
Facebook

Ti è piaciuto l'articolo?

Ogni giorno pubblichiamo fantastiche novità esclusive.. iscriviti per rimanere aggiornato.

0 +

Iscritti Felici

0 +

Articoli sul sito